Seguici su
Cerca

Chiesa di Maria Santissima Annunziata

Splendido monumento del barocco salentino presumibilmente risalente al 1665. Secondo lo storico Michele Paone, progettista della Chiesa potrebbe essere stato il grande Maestro del Barocco di Terra d’Otranto: Giuseppe Zimbalo.


Descrizione

Nel centro storico del paese, invece, un po’ nascosto tra le stradine cieche che sembra facciano da scudo, c’è un altro monumento di grande importanza, non solo per l’architettura quanto piuttosto per gli ex – voto in esso contenuti: stiamo parlando della Chiesa Maria Santissima Annunziata.
Questo edificio sacro, splendido esemplare del barocco, risale alla seconda metà del ‘600 e fu costruito sui ruderi di una vecchia chiesa. Nonostante si tratti di una costruzione dalle modeste dimensioni, la sua facciata è riccamente decorata e incarna bene lo stile tipico del barocco leccese.
L’interno presenta una sola navata e si possono ammirare tre altari: quello posto al centro, dedicato alla Madonna Annunziata, affiancato dai due laterali. L’altare di sinistra, in particolare, custodisce una tela dal profondo significato che richiede un’accurata interpretazione.

La tela che racconta gli esorcismi


Il centro del dipinto è occupato dal ritratto di San Domenico di Guzman, il santo che aveva il dono di poter liberare gli uomini dal demonio, poiché profondamente legato alla più potente preghiera: il rosario. Come a far da cornice alla figura del santo, quattordici piccole illustrazioni si susseguono sul bordo della tela, lasciando libero soltanto il lato superiore dove è raffigurata la Madonna e l’Arcangelo Gabriele.
In questi piccoli dipinti, sono illustrate scene di esorcismi, dove le persone disperate, perlopiù donne, vengono liberate dalla presenza del maligno. Le ragazze possedute sono ritratte all’interno di edifici sacri, ai piedi di un altare dedicato alla Madonna Annunziata, nel letto o tra gli alberi.
I demoni, invece, sono macabramente raffigurati come stormi di pipistrelli che, grazie al parroco, fuoriescono dalla bocca delle ragazze disperate e volano fuori dalla finestra, ponendo per sempre fine ai tormenti delle malcapitate.
Guardando la figura dei pipistrelli volare via, si percepisce quasi un senso di liberazione, nonostante i volti delle giovani donne siano pallidi e angustiati. Ai piedi di ognuna delle quattordici piccole illustrazioni, una didascalia descrittiva dona un’identità alle persone ritratte, come a voler sugellare la loro liberazione.
Tra queste, in particolare, è menzionata una ventottenne di Sternatia, Angela Theriu, ma anche una donna di Lequile, definita “spiritata” e abitata da una “compagnia di demoni”.


Il bene e il male incontrati e scontrati nel Salento


Le scene che si susseguono intorno alla figura di San Domenico rappresentano degli ex-voto, in eterno segno di riconoscenza al santo e alla Madonna da parte delle persone guarite. Molti ex-voto di questo genere si possono trovare sparsi nelle chiese di tutta Italia, ma la Chiesa della Madonna Annunziata di Galugnano è un esempio forte di religiosità e devozione del Salento.
Fino al 1950 circa, infatti, era quasi un’usanza dichiarare indemoniate le persone affette da malattie che provocavano convulsioni e che erano ancora poco note alla scienza.
Perciò, gli ammalati o i loro familiari, si rivolgevano con disperazione ai sacerdoti per chiedere la liberazione dal male tramite gli esorcismi.
Si pensi anche al tarantismo, il fenomeno storico-religioso divenuto emblema di questa parte della Puglia, dove il ritmo del tamburello e l’invocazione di San Paolo riuscivano a liberare le donne dal morso della taranta, ma soprattutto dai disagi interiori che esse avevano paura a tirar fuori.


Paure ancestrali che per secoli hanno tormentato gli animi


Gli esorcismi andarono via via diradandosi con la fine della società contadina, quando una più diffusa cultura prese possesso tra le genti e con essa una conseguente razionalità.
Così la popolazione salentina iniziò a far decadere molte delle paure ancestrali e ingigantite che per secoli avevano tormentato i popoli del meridione, lasciandoci in eredità soltanto tradizione e devozione.



Modalita di Accesso

Negli orari di apertura e celebrazioni

Galleria di immagini

Dove

Via Annunziata 8 Galugnano - 73010

Contatti

Telefono: 0832657426
Pagina aggiornata il 02/11/2023 16:10:00

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri